Unico 2012: il piano di rateazione

Dopo la proroga concessa alla scadenza dei versamenti relativi ad Unico 2012, l’Agenzia delle Entrate, nella risoluzione 69/E del 21 giugno, chiarisce la portata del differimento, evidenziandone gli effetti sul piano della rateazione delle somme dovute a titolo di saldo 2011 e di acconto per il 2012. L’Agenzia ricorda, in primo luogo, che a beneficiare della proroga sono tutte le persone fisiche, soggette o meno agli studi di settore, i contribuenti diversi dalle persone fisiche se soggetti agli studi di settore e coloro che vi partecipano. Per effetto del differimento previsto dall’art. 1 del Dpcm, il versamento del saldo 2011 e dell’acconto 2012, in scadenza il 18 giugno, potrà essere eseguito entro il 9 luglio senza alcuna maggiorazione oppure dal 10 luglio al 20 agosto, aggiungendo alle somme da versare uno 0,40% a titolo di interessi. Il calendario delle scadenze per i non titolari di partita IVA è il seguente: massimo sei rate da versare rispettivamente entro: il 9 luglio, 31 luglio, 31 agosto, 30 settembre, 31 ottobre, 30 novembre. Per i titolari di partita IVA: massimo sei rate da versare rispettivamente entro: il 9 luglio, 16 luglio, 20 agosto, 17 settembre, 16 ottobre, 16 novembre.


Partecipa alla discussione sul forum.