UNICO 2008: studi di settore, le scelte di adeguamento

di Redazione

Pubblicato il 22 maggio 2008



Nella valutazione di adeguamento alle risultanze degli studi di settore i contribuenti devono tener conto sia delle diverse regole a seconda che lo studio sia stato o meno sottoposto a evoluzione, sia del riconoscimento da parte dell’Agenzia delle Entrate sulla valenza probatoria di Gerico, tenendo, anche, presente la diversa considerazione di quest’ultima di fronte a un giudice tributario, oppure in fase di accertamento con adesione. Per gli studi revisionati, sappiamo, l’adeguamento va fatto al valore puntuale, per i “vecchi” al maggior valore tra quello puntuale, senza i valori degli indicatori di normalità, e quello minimo, tenendo conto degli indici. Circa le conseguenze applicative dopo la circolare 5/E/2008 in tema di “presunzione semplice”, l’onere probatorio si potrà dire assolto solo quando nell’atto di accertamento menzionerà gli esiti delle valutazioni dell’Ufficio nel contraddittorio, per giustificare l’applicazione di Gerico.