Ultime battute per UNICO 2011


Il 30 settembre è l’ultimo giorno utile per la trasmissione di Unico 2011. La scadenza interessa anche le correzioni delle dichiarazioni del periodo di imposta 2009. Gli errori o le omissioni del periodo di imposta 2010, si potranno sanare entro il 29 dicembre (novantesimo giorno successivo al termine di scadenza). Quest’ultima data è di importanza vitale perché l’eventuale omissione della dichiarazione, oltre a sopportare un trattamento sanzionatorio che varia dal 120 al 240% delle imposte dovute e non versate, apre le porte ad un possibile accertamento induttivo da parte dell’Amministrazione finanziaria (comma 2 dell’art. 39 Dpr 600/1973). In caso di mancanza solo di alcuni dati e informazioni da inserire nel modello, è consigliabile presentare la dichiarazione anche se incompleta; è, infatti, possibile “integrarla” entro termini più ampi rispetto a quelli del 29 dicembre. Discorso a parte merita il prospetto degli studi di settore: chi invia la dichiarazione priva del modello può rimediare provvedendo a sanare la mancanza in caso di richiesta da parte dell’Agenzia. L’invio tardivo non scongiura la sanzione, ma evita che la stessa lieviti alla misura massima (2.065 euro) e che si possa aprire la porta alla ricostruzione induttiva pura del reddito.


Partecipa alla discussione sul forum.

Ultime battute per UNICO 2011


Il 30 settembre è l’ultimo giorno utile per la trasmissione di Unico 2011. La scadenza interessa anche le correzioni delle dichiarazioni del periodo di imposta 2009. Gli errori o le omissioni del periodo di imposta 2010, si potranno sanare entro il 29 dicembre (novantesimo giorno successivo al termine di scadenza). Quest’ultima data è di importanza vitale perché l’eventuale omissione della dichiarazione, oltre a sopportare un trattamento sanzionatorio che varia dal 120 al 240% delle imposte dovute e non versate, apre le porte ad un possibile accertamento induttivo da parte dell’Amministrazione finanziaria (comma 2 dell’art. 39 Dpr 600/1973). In caso di mancanza solo di alcuni dati e informazioni da inserire nel modello, è consigliabile presentare la dichiarazione anche se incompleta; è, infatti, possibile “integrarla” entro termini più ampi rispetto a quelli del 29 dicembre. Discorso a parte merita il prospetto degli studi di settore: chi invia la dichiarazione priva del modello può rimediare provvedendo a sanare la mancanza in caso di richiesta da parte dell’Agenzia. L’invio tardivo non scongiura la sanzione, ma evita che la stessa lieviti alla misura massima (2.065 euro) e che si possa aprire la porta alla ricostruzione induttiva pura del reddito.


Partecipa alla discussione sul forum.