Tari: stop alle moltiplicazioni

di Angelo Facchini

Pubblicato il 21 novembre 2017



Con una Circolare il MEF vieta ai Comuni di sommare tante volte la quota variabile quante sono le pertinenze. E' la Circolare n. 1/DF del Dipartimento delle Finanze che ferma l’abitudine dei Comuni “a sommare tante volte la quota variabile quante sono le pertinenze, moltiplicando immotivatamente il numero degli occupanti dell’utenza domestica e facendo lievitare conseguentemente l’importo della TARI”. Stando ai nuovi chiarimenti, per “superficie totale dell‘utenza domestica” si intende la somma dei metri quadri dell’abitazione e delle relative pertinenze. Si potrà chiedere il rimborso delle somme computate per errore in ordine alle annualità a partire dal 2014, anno in cui la TARI è entrata in vigore.