STUDI DI SETTORE: tutti a regime, pochi quelli ancora provvisori


La nuova stagione degli studi di settore è iniziata. Tutti sono diventati definitivi, tranne quattro: lavorazione di oggetti preziosi (TD33U), studi di ingegneria (UK02U), periti industriali (UK17U), revisori contabili e periti contabili (UK06U). Pertanto, attivo lo strumento “studio di settore” anche per i soggetti monitorati lo scorso anno (2007 per 2006), come commercialisti, geometri, legali, si potrà aprire un contraddittorio se non presente la congruità, che potrebbe toccare anni precedenti, laddove ancora aperti i termini di decadenza. Le linee guida furono fissati dalla circ. 38/E Entrate del 12 giugno 2007: l’attività di accertamento può essere esperita dietro verifica della non congruità; il requisito di non congruità deve essere confermato anche dallo studio definitivo; per gli anni precedenti il 2006 non vanno considerati i maggiori componenti positivi derivanti dall’applicazione degli indici di normalità economica.


Partecipa alla discussione sul forum.