STUDI DI SETTORE: le opzioni possibili per il contribuente – gli studi revisionati

Viste le prime novità di Gerico si riepilogano le specifiche di adeguamento e gli impatti relativi all’accertamento. Gli studi revisionati utilizzabili per la prima volta nel 2007 sono 68; e su questi poniamo l’attenzione. Il c. 2 art. 10bis L. 146/98 prevede che, in caso di revisione, si tenga conto dei valori di coerenza risultanti da ciascuno studio e dei comportamenti adottati e ritenuti “normali” in relazione al settore di appartenenza. Gerico, per questi studi, propone nelle videate finali un’analisi di congruità, una di normalità economica e una di sintesi delle due. Le istruzioni precisano che il livello di adeguamento è rappresentato dal ricavo puntuale di riferimento calcolato dal software, tenuto conto dell’eventuale incoerenza rispetto gli indici di normalità. Il contribuente può: “sterilizzare” il risultato pur restando congruo, con onere di attestazione; decidere di non adeguarsi se lo studio è monitorato; non adeguarsi ed inserire nelle note le eventuali giustificazioni, magari con relativa attestazione; non adeguarsi e rispondere al contraddittorio.


Partecipa alla discussione sul forum.