Spesometro: l’indicazione della fattura leasing


Spesometro in scadenza il 2 gennaio 2012 a meno di una proroga. Molti i dubbi ancora in piedi relativi a questo primo adempimento. Le risposte dell’Agenzia delle entrate non hanno ancora esaurito le perplessità degli operatori e le difficoltà interpretative, motivi per cui si è richiesta una proroga. Uno dei dubbi riguarda le fatture leasing. Le società leasing sono tenute per conto loro alla trasmissione dei dati (art. 7 DPR 605/73); la circolare 24/ Agenzia delle entrate del 30 maggio 2011 ha evocato la norma. Fra gli esempi indicati nella circolare come esenzioni ammesse non compaiono i contratti di leasing, ma, probabilmente, solo perché all’epoca non erano stati ancora emanati i provvedimenti del 5 agosto e 21 novembre 2011, che richiamano l’art. 7, dodicesimo comma, del DPR 605/73 (le esenzioni appunto). Stante così i fatti, il contribuente non dovrebbe essere tenuto alla indicazione delle fatture leasing nel proprio spesometro. Le locazioni semplici ed i noleggi meritano un’attenzione diversa. Le società concedenti sono tenute ad indicare solo le operazioni che hanno per oggetto: autovetture, caravan, unità da diporto ed aeromobili. Restano fuori: macchinari ed altri beni diversi da quelli descritti. Gli immobili vanno sempre indicati sia dal concedente sia dal locatore.


Partecipa alla discussione sul forum.

Spesometro: l’indicazione della fattura leasing


Spesometro in scadenza il 2 gennaio 2012 a meno di una proroga. Molti i dubbi ancora in piedi relativi a questo primo adempimento. Le risposte dell’Agenzia delle entrate non hanno ancora esaurito le perplessità degli operatori e le difficoltà interpretative, motivi per cui si è richiesta una proroga. Uno dei dubbi riguarda le fatture leasing. Le società leasing sono tenute per conto loro alla trasmissione dei dati (art. 7 DPR 605/73); la circolare 24/ Agenzia delle entrate del 30 maggio 2011 ha evocato la norma. Fra gli esempi indicati nella circolare come esenzioni ammesse non compaiono i contratti di leasing, ma, probabilmente, solo perché all’epoca non erano stati ancora emanati i provvedimenti del 5 agosto e 21 novembre 2011, che richiamano l’art. 7, dodicesimo comma, del DPR 605/73 (le esenzioni appunto). Stante così i fatti, il contribuente non dovrebbe essere tenuto alla indicazione delle fatture leasing nel proprio spesometro. Le locazioni semplici ed i noleggi meritano un’attenzione diversa. Le società concedenti sono tenute ad indicare solo le operazioni che hanno per oggetto: autovetture, caravan, unità da diporto ed aeromobili. Restano fuori: macchinari ed altri beni diversi da quelli descritti. Gli immobili vanno sempre indicati sia dal concedente sia dal locatore.


Partecipa alla discussione sul forum.