SOCIETA’ DI COMODO: acconti influenzati dalla nuova disciplina


Le novità sulle società non operative (art.35 c. 15 del dl 223/06) hanno introdotto ulteriori limiti operativi alla loro gestione: una “Società di Comodo” non può chiedere a rimborso, cedere o utilizzare in compensazione l’Iva a credito risultante dalla dichiarazione presentata ai fini dell’imposta sul valore aggiunto. La manovra d’estate ha inserito la possibilità di chiedere con un’istanza scritta, la disapplicazione della disposizione qualora il contribuente evidenzi situazioni straordinarie.
Se le nuove regole, e tra queste la necessità dell’istanza di disapplicazione, entrano in vigore dal periodo di imposta in corso, bisogna prestare attenzione alla scadenza del 30 novembre, relativa alla seconda rata di acconto delle imposte dirette. È infatti espressamente prevista la necessità di ricalcolare gli acconti stessi in funzione della nuova disciplina.


Partecipa alla discussione sul forum.