SOCIETA’: cambiano le regole delle assemblee

Nuove regole sulle assemblee societarie. Tra le novità: l’introduzione nel nostro ordinamento della disciplina delle operazioni con parti correlate, la modifica in tema di passivity rule. Queste norme erano già in vigore nel 2010: il Dl 27/2010 è vigente in parte dal 20 marzo 2010 e in parte produce effetti per le assemblee che siano state convocate dopo il 31 ottobre 2010. La normativa sulle parti correlate in parte si applica dal 1° dicembre 2010 e in parte dal 1° gennaio 2011; la modifica della disciplina sulla passivity rule è in vigore dal 1° luglio 2010. Il banco di prova sarà la prossima tornata di approvazione dei bilanci relativi all’esercizio 2010. Il fine dei cambiamenti è quello di dare più trasparenza e favorire la maggior partecipazione possibile dei soci. La regolamentazione per le operazioni con parti correlate vuole imporre particolari procedure decisionali, coinvolgendo amministratori indipendenti e assemblea dei soci, quando la società effettui operazioni con controparti che hanno contatti tali da far ipotizzare la probabile sussistenza di un conflitto di interessi. La possibilità di disattivare la passivity rule (la necessità che le operazioni difensive in caso di opa passino al vaglio dell’assemblea) permette ai soci di domandarsi se il valore del proprio investimento sia più tutelato in una società protetta da aggressioni o aperta alla contendibilità. La normativa sui diritti degli azionisti vuole ravvivare l’interesse dei soci alle assemblee, favorendo il loro concorso alla formazione dell’ordine del giorno, la possibilità di porre domande prima dell’adunanza, di partecipare alla riunione e di votare in via remota e rilasciare le deleghe di voto.


Partecipa alla discussione sul forum.

SOCIETA’: cambiano le regole delle assemblee

Nuove regole sulle assemblee societarie. Tra le novità: l’introduzione nel nostro ordinamento della disciplina delle operazioni con parti correlate, la modifica in tema di passivity rule. Queste norme erano già in vigore nel 2010: il Dl 27/2010 è vigente in parte dal 20 marzo 2010 e in parte produce effetti per le assemblee che siano state convocate dopo il 31 ottobre 2010. La normativa sulle parti correlate in parte si applica dal 1° dicembre 2010 e in parte dal 1° gennaio 2011; la modifica della disciplina sulla passivity rule è in vigore dal 1° luglio 2010. Il banco di prova sarà la prossima tornata di approvazione dei bilanci relativi all’esercizio 2010. Il fine dei cambiamenti è quello di dare più trasparenza e favorire la maggior partecipazione possibile dei soci. La regolamentazione per le operazioni con parti correlate vuole imporre particolari procedure decisionali, coinvolgendo amministratori indipendenti e assemblea dei soci, quando la società effettui operazioni con controparti che hanno contatti tali da far ipotizzare la probabile sussistenza di un conflitto di interessi. La possibilità di disattivare la passivity rule (la necessità che le operazioni difensive in caso di opa passino al vaglio dell’assemblea) permette ai soci di domandarsi se il valore del proprio investimento sia più tutelato in una società protetta da aggressioni o aperta alla contendibilità. La normativa sui diritti degli azionisti vuole ravvivare l’interesse dei soci alle assemblee, favorendo il loro concorso alla formazione dell’ordine del giorno, la possibilità di porre domande prima dell’adunanza, di partecipare alla riunione e di votare in via remota e rilasciare le deleghe di voto.


Partecipa alla discussione sul forum.