Società di comodo: un decreto taglia interpelli


In arrivo un provvedimento dell’Agenzia delle entrate che darà indicazioni riguardo il “modus operandi” per le società in perdita “non società di comodo”. Il provvedimento indicherà una serie di fattispecie nelle quali le perdite verranno considerate veritiere e non frutto di movimentazioni elusive di reddito. Non sono ancora indicate le tempistiche per la pubblicazione del provvedimento, è un passaggio delicato e la sua stesura richiede prudenza. Certo è che il primo appuntamento con l’applicazione della normativa introdotta dal Dl 138/2011, secondo la quale una perdita per tre anni consecutivi fa presumere (salvo prova contraria) che la società sia di comodo, sarà con il versamento della prima rata di acconto sui redditi 2012 a giugno prossimo.


Partecipa alla discussione sul forum.