Si alla detrazione Iva con identificativo disattivato

di Angelo Facchini

Pubblicato il 14 settembre 2018

La Corte di giustizia Ue ha censurato la normativa rumena che consente al Fisco di negare a un soggetto passivo, che ha effettuato acquisti durante il periodo in cui il suo numero d'identificazione Iva è stato annullato per la mancata presentazione delle dichiarazioni fiscali, la detrazione dell'imposta, solo perché tali acquisti sono avvenuti durante detto periodo. Per i giudici comunitari, all'interno del sistema dell'imposta sul valore aggiunto, quando sussistono i requisiti e non c'è tentativo di frode, la sostanza prevale sempre sulla forma.