Sciopero commercialisti: primo effetto astensione dal lavoro dal 28 febbraio al 7 marzo 2017


Otto giorni di astensione per i professionisti: ferme dichiarazioni Iva e liti in Commissione tributaria. E’ questa la prosecuzione del messaggio inviato al Governo dopo lo sciopero del 14 dicembre. La giornata è stata storica. I professionisti incroceranno le braccia in un periodo simbolico in quanto il 28 febbraio 2017 scadrà la dichiarazione IVA che sarà acquisita dai commercialisti nei tempi ma trasmessa una settimana dopo la data di scadenza. Nessuna conseguenza per i contribuenti, in quanto la delega alla trasmissione della dichiarazione Iva, scarica la responsabilità dell’eventuale ritardo sul professionista o sull’intermediario. La stessa forma di protesta riguarderà anche il patrocinio presso CTP e CTR per i contenziosi in cui assistono i contribuenti. Salva invece la trasmissione telematica delle Certificazioni Uniche.


Partecipa alla discussione sul forum.