Scelta dei lavoratori da sospendere per la CIGS


La Corte di Cassazione – sentenza n. 20267 del 4 ottobre 2011 – attesta che in caso di ricorso alla CIGS è il datore di lavoro a dover provare il nesso di causalità fra la sospensione del singolo lavoratore e le ragioni per le quali la legge gli riconosce il potere di sospensione; sul lavoratore, invece, grava l’onere della prova del mancato rispetto, da parte del datore di lavoro, dei principi generali di correttezza e buona fede nella scelta dei lavoratori da sospendere. Inoltre, qualora il lavoratore voglia far valere l’illegittimità della scelta, deve provare l’esistenza di diversi criteri di selezione e dimostrare che la loro applicazione avrebbe comportato la sospensione di un altro lavoratore, ovvero che la propria sospensione sia stata determinata da motivi discriminatori.


Partecipa alla discussione sul forum.

Scelta dei lavoratori da sospendere per la CIGS


La Corte di Cassazione – sentenza n. 20267 del 4 ottobre 2011 – attesta che in caso di ricorso alla CIGS è il datore di lavoro a dover provare il nesso di causalità fra la sospensione del singolo lavoratore e le ragioni per le quali la legge gli riconosce il potere di sospensione; sul lavoratore, invece, grava l’onere della prova del mancato rispetto, da parte del datore di lavoro, dei principi generali di correttezza e buona fede nella scelta dei lavoratori da sospendere. Inoltre, qualora il lavoratore voglia far valere l’illegittimità della scelta, deve provare l’esistenza di diversi criteri di selezione e dimostrare che la loro applicazione avrebbe comportato la sospensione di un altro lavoratore, ovvero che la propria sospensione sia stata determinata da motivi discriminatori.


Partecipa alla discussione sul forum.