Sanzione fissa per il reverse charge


È stato pubblicato sul supplemento ordinario alla GU n.233 del 7 ottobre 2015 il Dl n.158/2015 sulla revisione del sistema sanzionatorio penale e amministrativo. Il decreto, entrato in vigore il 22 ottobre scorso, modifica l’articolo 6 del Dl n. 471/97 riscrivendo i commi da 9 bis a 9 bis3 in tema di reverse charge. La nuova norma, stabilisce una sanzione fissa da un minimo di 500 euro a un massimo di 20 mila euro, quando il committente registri, solo ai fini delle imposte dirette, il documento e non osserva gli adempimenti connessi con l’inversione contabile.


Partecipa alla discussione sul forum.

Sanzione fissa per il reverse charge


E’ stato pubblicato sul Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 233 del 7 ottobre 2015 il decreto legislativo n. 158/2015 sulla revisione del sistema sanzionatorio penale e amministrativo. Riguardo il reverse charge viene prevista una sanzione fissa per omessa applicazione, invece di quella variabile dal 100 al 200% dell’imposta non evidenziata in fattura. Il decreto, entrerà in vigore il 22 ottobre. La sanzione fissa varia da un minimo di 500 euro a un massimo di 20.000 euro, quando il committente registri, solo ai fini delle imposte dirette, il documento e non osserva gli adempimenti connessi con l’inversione contabile. Se la fattura non viene annotata in contabilità oppure il cedente non la emette e il committente non regolarizza entro i successivi 30 gg l’inadempimento, si applica la sanzione in misura proporzionale dal 5 al 10 % dell’imponibile con un minimo di 1.000 euro. Se l’Iva è stata erroneamente addebitata e versata dal cedente senza l’applicazione del reverse charge, la sanzione è in misura fissa da 250 a 10.000 euro.

 


Partecipa alla discussione sul forum.