RISCOSSIONE: la notifica delle eccedenze da parte di Equitalia

L’art. 83 del DL 112/08 prevede una comunicazione, da parte della società di riscossione (Equitalia), delle somme versate in eccesso dal contribuente che devono essere restituite. Nella fattispecie: nel caso in cui il debitore versi, per un debito dovuto da iscrizioni a ruolo, una somma maggiore, da un minimo di 50euro in su, Equitalia deve comunicare al soggetto la somma eccedente con le modalità di restituzione della stessa. Il debitore, di suo, ha poi tre mesi per rivendicare l’importo che gli è dovuto, trascorsi i quali le somme devono essere riversate all’ente creditore, o allo Stato. Comunque, in quest’ultimo caso, gli interessati potranno sempre richiedere il rimborso, entro i termini di prescrizione, ma all’ente creditore o allo Stato dove sono state riversate le somme. Da segnalare, inoltre, la possibilità di pagare i debiti con mezzi diversi dal contante (assegni e carte di credito), e l’abolizione della garanzia fideiussoria per la rateazione dei ruoli superiori a 50mila euro.


Partecipa alla discussione sul forum.