RISCOSSIONE: approvata la nuova cartella di pagamento

Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate è stato approvato un nuovo modello di cartella di pagamento. L’aggiornamento del precedente modello si è reso necessario per le diverse tipologie di somme iscritte a ruolo per il recupero di crediti di vari enti. I fogli avvertenze costituiscono parte integrante della cartella; in ciascun foglio sono contenute indicazioni sulle modalità di richiesta di riesame in autotutela del ruolo e sulla presentazione del ricorso. Nella sezione dedicata alle modalità di presentazione di ricorso sono indicate le autorità da adire (commissione tributaria, giudice ordinario, organo estero competente), e le modalità di presentazione. In evidenza anche la richiesta di sospensione del pagamento che può formulare il contribuente che propone ricorso: si ricorda che l’istanza di sospensione può essere presentata all’ente creditore. La riscossione di contributi e premi previdenziali sono assegnati alle Entrate, anziché all’INPS, Equitalia ha il compito di riscuotere e riversare le somme incassate all’ente previdenziale creditore. I crediti tributari vanno contestati innanzi al giudice tributario entro 60 giorni dalla notifica dell’atto impositivo, i contributi previdenziali entro 40 giorni davanti al giudice ordinario.


Partecipa alla discussione sul forum.