Rimborsi Iva per le società di comodo


Le modalità che consentono alle società che non presentano l’interpello probatorio, previsto dall’articolo 11, comma 1, lettera b, legge 212/2000, di ottenere il rimborso Iva, sono l’autocertificazione in dichiarazione annuale o su richiesta dell’ufficio. La precisazione è contenuta nella circolare 33/E del 22 luglio, la quale dedica l’intero primo paragrafo alle regole dei rimborsi per i contribuenti soggetti alla disciplina delle società non operative e di quelle in perdita
sistematica.

 


Partecipa alla discussione sul forum.