Riforma per la Exit Tax

La Exit Tax, istituto previsto dall’art. 166 DPR 166/86, sarà rivista. La tassa colpisce con effetto immediato i contribuenti che chiudono un’attività in Italia, per aprirne una all’interno della Ue. Il trasferimento delle attività all’interno della Ue è considerato “realizzo, al valore normale, dei componenti dell’azienda o del complesso aziendale”. L’attuale modo impositivo potrebbe essere un fattore che contrasta con la libertà di stabilimento, ecco perché Bruxelles ha avviato nei confronti dell’Italia una procedura di infrazione. Avendo le autorità italiane confermato che a livello ministeriale i lavori sono in fase avanzata, la Commissione ha messo in fascicolo “in attesa” pur senza abbassare la guardia.  


Partecipa alla discussione sul forum.

Riforma per la Exit Tax

La Exit Tax, istituto previsto dall’art. 166 DPR 166/86, sarà rivista. La tassa colpisce con effetto immediato i contribuenti che chiudono un’attività in Italia, per aprirne una all’interno della Ue. Il trasferimento delle attività all’interno della Ue è considerato “realizzo, al valore normale, dei componenti dell’azienda o del complesso aziendale”. L’attuale modo impositivo potrebbe essere un fattore che contrasta con la libertà di stabilimento, ecco perché Bruxelles ha avviato nei confronti dell’Italia una procedura di infrazione. Avendo le autorità italiane confermato che a livello ministeriale i lavori sono in fase avanzata, la Commissione ha messo in fascicolo “in attesa” pur senza abbassare la guardia.  


Partecipa alla discussione sul forum.