Riforma del Codice degli appalti: i punti salienti

di Angelo Facchini

Pubblicato il 13 maggio 2022

L’iter legislativo del nuovo Codice degli appalti continua il suo percorso: la Commissione ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera ha approvato le modifiche al disegno di legge delega 3514, già approvato al Senato. Adesso l’esame passa all'aula di Montecitorio per tornare al Senato. Tra le novità della riforma si dà attenzione a lavoro e compensi; sarà necessario introdurre il divieto di prestazione gratuita delle attività professionali, salvo che in casi eccezionali e previa adeguata motivazione; diventerà obbligatoria la previsione di specifiche clausole sociali negli atti di gara per garantire la stabilità occupazionale; si dovranno accelerare le procedure di pagamento da parte delle stazioni appaltanti del corrispettivo contrattuale.