Riforma del catasto: sarà realizzata dal 1° gennaio 2026

di Angelo Facchini

Pubblicato il 22 novembre 2021



La riforma del catasto vedrà la luce in modo definitivo dal 2026. La prima fase che il governo metterà in atto è costituita dalla modernizzazione degli strumenti di mappatura degli immobili, con l’introduzione di strumenti atti ad individuare gli immobili non censiti, o che non rispettano l’effettiva reale consistenza o destinazione d’uso o categoria catastale, nonché dei terreni divenuti edificabili, ma ancora censiti come agricoli, e, infine, gli immobili abusivi. A decorrere dal 1° gennaio 2026, si realizzerà la vera riforma, con la costituzione di un sistema catastale basato, oltre che su una rendita parametrata ai valori di mercato, anche sul valore patrimoniale del bene, con un adeguamento periodico degli stessi valori.