Rientro dei cervelli: bonus per i professori in aspettativa


Con la risoluzione n. 92/E viene riconosciuta la detassazione anche agli accademici residenti all’estero, in aspettativa dall’Università italiana. Il bonus prevede l’esclusione dalla formazione del reddito di lavoro dipendente o autonomo del 90% degli emolumenti percepiti dai docenti e dai ricercatori che, in possesso di titolo di studio universitario o equiparato e non occasionalmente residenti all’estero, abbiano svolto documentata attività di ricerca o docenza all’estero presso centri di ricerca pubblici o privati o università per almeno due anni continuativi e che vengono a svolgere la loro attività in Italia, acquisendo conseguentemente la residenza fiscale nel territorio dello Stato.


Partecipa alla discussione sul forum.