Ricerca e sviluppo: i costi ammissibili nella circolare 66/E


Nella risoluzione 66/E l’Agenzia delle Entrate ha fornito la risposta ad un interpello posto da un’impresa in merito al credito di imposta per Ricerca e Sviluppo. Si legge che l’incidenza dei contributi sui costi sostenuti non deve essere valutata in relazione a specifici progetti, ma per singole categorie di costi ammissibili: pertanto, “ai fini del calcolo dell’agevolazione l’istante deve raggruppare tutti gli investimenti ammissibili per categorie assumendo, quale costo rilevante, il costo di competenza del periodo per il quale intende fruire del beneficio al lordo della parte di contributo ricevuto con riferimento al medesimo costo, anche nel caso in cui il contributo sia pari all’intero costo”.


Partecipa alla discussione sul forum.