Regime fiscale agevolato per "impatriati": continuità nei festivi

Per l’applicazione del regime fiscale agevolato previsto per i lavoratori “impatriati”, il requisito sostanziale della continuità dell’attività di lavoro svolta all’estero negli ultimi 24 mesi è soddisfatto anche nel caso di cambio del posto di lavoro che determini un’interruzione tra un contratto e l’altro dovuta al solo fatto che tra il termine del primo contratto di lavoro e l’inizio del nuovo rapporto siano intercorsi giorni festivi. E’ un chiarimento del Mef in risposta a un’interrogazione parlamentare nel corso del question time dello scorso 31 luglio. 

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it