Regime dei minimi: alcune specificazioni

Come sappiamo l’accesso al regime dei minimi dal 2012 è consentito alle persone fisiche che intraprendono un’attività d’impresa o di lavoro autonomo dal 1° gennaio 2012, ovvero che l’hanno intrapresa successivamente al 31 dicembre 2007 e che possiedono i requisiti previsti all’art. 1, c. da 96 a 99 della legge  244/2007 e dall’art. 2 del Dm 2 gennaio 2008. Secondo quanto previsto dal provvedimento del 22 dicembre 2011, se in possesso dei requisiti, può accedere al nuovo regime dei minimi anche chi ha intrapreso l’attività dal 2008 optando per il regime delle nuove iniziative produttive (art. 13 L. n. 388/2000). Non essendo specificata la tempistica del passaggio, questo può avvenire sia al termine del triennio sia durante. In merito, l’Agenzia ha chiarito che i soggetti in regime delle nuove iniziative imprenditoriali o di lavoro autonomo (legge 388/2000) possono scegliere di applicare il regime dei minimi anche se non è ancora decorso il triennio di permanenza con l’obbligo di comunicare tempestivamente la revoca del regime agevolato precedentemente applicato. In questi casi, il regime dei minimi può essere adottato per i periodi di imposta residui al completamento del quinquennio, partendo da quello di inizio dell’attività, ovvero non oltre il periodo di imposta di compimento del trentacinquesimo anno di età.


Partecipa alla discussione sul forum.