REATI TRIBUTARI: il modello F24 falso può essere punito con la reclusione


Il modello F24 è un attestato di altri documenti, la sua contraffazione è un reato; determinante è la qualifica dell’autore. La Corte di Cassazione, quinta sezione penale, lo sottolinea nella sentenza 36687/2008. La sentenza è conseguente alla condanna inflitta a un finanziere, che per conto di terzi aveva effettuato versamenti per somme inferiori al dovuto, e aveva poi falsificato il modello F24 per far risultare la somma dovuta. Quando il modello deriva da contravvenzioni inflitte al contribuente ha valore di quietanza liberatoria del pagamento, e pertanto assume la veste di attestazione piuttosto che di certificazione. Gli attestati sono “documenti di carattere derivativo, sinteticamente riproduttivi di altri atti originali, ai quali l’autore fa riferimento per approntare il contenuto”, ed è per questo che la falsificazione deve essere sanzionata con la reclusione di 3 anni, oppure di 1 anno, a seconda che l’autore sia un pubblico ufficiale o un privato.


Partecipa alla discussione sul forum.