Pronto il decreto per sbloccare il “Bonus sud”


Abruzzo, Molise, Campania, Calabria, Sicilia, Puglia, Basilicata, Sardegna sono le regioni interessate dal Bonus sud. Il governo sta per sbloccare i fondi da destinare al credito d’imposta per le assunzioni agevolare nel Mezzogiorno. Le risorse previste, 142 milioni di euro, potranno essere aumentate in caso di ulteriore fabbisogno. Il credito di imposta non è cumulabile con altri sostegni comunitari, è fruibile da tutti i datori di lavoro ubicati nelle regioni citate che, nel periodo compreso tra il 14 maggio 2011 e il 13 maggio 2013 procedano, o abbiano proceduto, ad assunzioni di manodopera a tempo indeterminato, incrementando la forza lavoro nei dodici mesi precedenti la data di stabilizzazione. Le assunzioni devono riguardare lavoratori svantaggiati o molto svantaggiati, vale a dire: lavoratori che non hanno un impiego pagato da almeno sei mesi; lavoratori con più di 50 anni; lavoratori che non posseggono un diploma di scuola media superiore o professionale; adulti che vivono soli con una o più persone a carico; membri di una minoranza nazionale; lavoratori occupati in settori con alto tasso di disparità uomo-donna; disoccupati da almeno 24 mesi.


Partecipa alla discussione sul forum.