Professionisti: le spese viaggi non costituiscono compensi


Le spese di viaggio pagate direttamente dal committente non costituiranno più compenso in natura per il professionista. I costi di trasporto sostenuti dal cliente vengono così equiparati a quanto già avviene per vitto e alloggio, eliminando una disparità di trattamento che causava complicazioni contabili per i lavoratori autonomi. Dal 1° luglio 2017 arrivano le notifiche via Pec per gli avvisi di accertamento e altri atti propedeutici nei confronti di ditte individuali, società e professionisti. L’Agenzia delle entrate avrà però la facoltà di spedizione telematica e non l’obbligo, che viene meno pure per quanto riguarda le cartelle di pagamento di Equitalia. Niente più tax day del 16 giugno: la scadenza resterà solo per Imu e Tasi, mentre i saldi Irpef, Ires e Irap andranno al 30 giugno. Sono alcune delle novità contenute nel decreto fiscale (dl n. 193/2016).


Partecipa alla discussione sul forum.