Professionisti: l’aumento IVA corregge i preavvisi


In seguito all’aumento IVA dal 21 al 22% gli avvisi di parcella devono essere adeguati con la nuova aliquota. In particolare, se i preavvisi di fattura professionali non sono stati incassati prima del 1° ottobre 2013, data di entrata in vigore dell’aumento dell’aliquota IVA dal 21% al 22%, dovranno essere adeguati alla nuova percentuale, per permettere ai clienti di pagare il corretto importo della parcella. Non sopportano aumenti le basi imponibili della ritenuta d’acconto (rimasta al 20%) e dei contributi integrativi o alla gestione separata INPS.


Partecipa alla discussione sul forum.