PROCESSO CIVILE: novità in tema di liti civili


Con uno degli emendamenti alla manovra finanziaria in discussione al Senato nasce l’ausiliario del giudice. Questa figura professionale aggiuntiva del processo civile è scelta dal giudice tra i nomi inseriti in un apposito albo formato presso ogni tribunale; avrà il compito di trattare i ricorsi ritenuti prioritari dal presidente del tribunale stesso. Nell’albo possono iscriversi magistrati onorari, avvocati con anzianità di almeno 5 anni, notai, magistrati ordinari, amministrativi e contabili in pensione, avvocati dello stato in pensione, docenti o ricercatori universitari. La procedura prevista è simile a quella della media conciliazione: entro 90 giorni dalla sua nomina, l’ausiliario deposita in cancelleria una proposta di decisione da comunicare alle parti in causa che hanno 30 giorni per accettarla. Nel caso la proposta non venga accettata e il successivo giudizio ordinario si chiuda con un risultato pari a quello della proposta, il giudice può condannare la parte, anche vittoriosa, al pagamento dell’indennità dovuta all’ausiliario e di nuovo al versamento del contributo unificato.


Partecipa alla discussione sul forum.