PREVIDENZA: le nuove pensioni dei commercialisti

I dottori commercialisti che vanno in pensione da questo mese avranno un assegno più basso rispetto ai colleghi che hanno iniziato a ricevere il trattamento ad aprile. E’ tutta colpa dei nuovi coefficienti ora operativi. Il taglio, per coloro che hanno compiuto 65 anni e hanno 20 mila o 30 mila euro di contributi accumulati nel sistema contributivo, supera l’8 per cento. La perdita cresce con l’aumento dell’età: per quanti scelgono di andare in pensione a 75 anni, per esempio, si avrà un taglio, sulla quota di pensione contributiva, vicino al 13 per cento.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it