Partita IVA inattiva: chiusura veloce con il versamento della sanzione entro il prossimo 4/10/2011


Per chiudere una partita IVA non più utilizzata, quindi “inattiva”, basta versare entro il 4 ottobre 2011 la sanzione minima di 129,00 euro con l’apposito modello “F24 Elementi identificativi”, compilato in ogni sua parte, senza dover poi presentare alle Entrate la copia del pagamento.

Per i contribuenti che, pur avendone l’obbligo, non hanno presentato la dichiarazione di cessazione attività e non colgono l’opportunità che il D.L. 98/2011 (convertito in Legge n. 111 del 2011) ora concede loro, l’Agenzia procederà a chiudere la partita IVA d’ufficio ed al contempo potrà applicare la sanzione fino al massimo di 2.065,00 euro.


Partecipa alla discussione sul forum.

Partita IVA inattiva: chiusura veloce con il versamento della sanzione entro il prossimo 4/10/2011


Per chiudere una partita IVA non più utilizzata, quindi “inattiva”, basta versare entro il 4 ottobre 2011 la sanzione minima di 129,00 euro con l’apposito modello “F24 Elementi identificativi”, compilato in ogni sua parte, senza dover poi presentare alle Entrate la copia del pagamento.

Per i contribuenti che, pur avendone l’obbligo, non hanno presentato la dichiarazione di cessazione attività e non colgono l’opportunità che il D.L. 98/2011 (convertito in Legge n. 111 del 2011) ora concede loro, l’Agenzia procederà a chiudere la partita IVA d’ufficio ed al contempo potrà applicare la sanzione fino al massimo di 2.065,00 euro.


Partecipa alla discussione sul forum.