ORDINI PROFESSIONALI: un’ultima chance per gli abilitati


Scade ad aprile il periodo transitorio per iscriversi all’ordine dei consulenti del lavoro.
L’art. 5-ter della legge n. 46/2007 in materia di norme di adeguamento a decisioni comunitarie sulla professione di consulente del lavoro ha modificato il titolo di studio valido ai fini dell’accesso alla professione. Il titolo di studi richiesto è la laurea triennale, magistrale o quadriennale vecchio ordinamento in una delle seguenti discipline: economia, giurisprudenza e scienze politiche. Sono stati previsti due periodi transitori a partire dall’11 aprile 2007 per consentire a chi si trova a cavallo tra vecchia e nuova disciplina di non vanificare i periodi di praticantato e l’abilitazione ottenuta: fino al 12 aprile 2010 per i consulenti che abbiano già conseguito l’abilitazione, ma non hanno ancora provveduto all’iscrizione all’Ordine dei consulenti del lavoro; fino al 31 dicembre 2013 per sostenere l’esame di abilitazione per chi alla data dell’11 aprile 2007 aveva già iniziato il periodo di praticantato pur non possedendo la laurea.


Partecipa alla discussione sul forum.