Operazioni per contanti: niente sanzioni per chi preleva o versa contante in banca


Prelievi e versamenti liberi da sanzioni. La precisazione è contenuta nella circolare 4 novembre del Dipartimento del Tesoro presso il Ministero dell’Economia e si è resa necessaria per chiarire un equivoco interpretativo sul Dl n. 138/2011 (legge n. 148/2011) che ha ridotto il limite per l’uso del contante da 4.999,99 euro a 2.499,99 euro. La norma recita che è “vietato” il trasferimento, a qualsiasi titolo, “quando il valore è pari o superiore, complessivamente, ai 2.500 euro”, anche se fatto con più pagamenti che appaiono artificiosamente frazionati. L’interpretazione di alcune banche segnalava come violazione amministrativa, e purtroppo talvolta anche come operazione sospetta, il semplice prelievo o versamento di contante che superasse la soglia di legge. . L’art. 51 del decreto n. 231/2007 (normativa antiriciclaggio) impone sì agli intermediari di comunicare le violazioni al contante e sugli assegni, entro 30 giorni, al Ministero dell’Economia, ma solo quando dalle operazioni effettuate dalla clientela si possa desumere un mancato rispetto della norma.


Partecipa alla discussione sul forum.

Operazioni per contanti: niente sanzioni per chi preleva o versa contante in banca


Prelievi e versamenti liberi da sanzioni. La precisazione è contenuta nella circolare 4 novembre del Dipartimento del Tesoro presso il Ministero dell’Economia e si è resa necessaria per chiarire un equivoco interpretativo sul Dl n. 138/2011 (legge n. 148/2011) che ha ridotto il limite per l’uso del contante da 4.999,99 euro a 2.499,99 euro. La norma recita che è “vietato” il trasferimento, a qualsiasi titolo, “quando il valore è pari o superiore, complessivamente, ai 2.500 euro”, anche se fatto con più pagamenti che appaiono artificiosamente frazionati. L’interpretazione di alcune banche segnalava come violazione amministrativa, e purtroppo talvolta anche come operazione sospetta, il semplice prelievo o versamento di contante che superasse la soglia di legge. . L’art. 51 del decreto n. 231/2007 (normativa antiriciclaggio) impone sì agli intermediari di comunicare le violazioni al contante e sugli assegni, entro 30 giorni, al Ministero dell’Economia, ma solo quando dalle operazioni effettuate dalla clientela si possa desumere un mancato rispetto della norma.


Partecipa alla discussione sul forum.