Nuove agevolazioni fiscali per start-up e PMI


Il Decreto Sviluppo bis, approvato dal Senato, passa alla Camera con alcune novità che riguardano Start up e PMI. Per le prime è stato stabilito un credito d’imposta per le assunzioni di personale altamente qualificato con modalità semplificate, le seconde saranno destinatarie del 25% dei fondi per i progetti innovativi gestiti dall’Agenzia Digitale. Riguardo le start-up innovative si abbassa il tetto di spesa in ricerca e sviluppo necessario per essere considerata tale: si passa dal precedente 30% al 20% del maggior valore fra costo e valore totale della produzione. Le micro imprese e le PMI possono accedere ai fondi anche in forma associata; le risorse sono destinate ad attività di ricerca finalizzate allo sviluppo di un servizio o prodotto innovativo in grado di rafforzare la capacità competitiva delle PMI.


Partecipa alla discussione sul forum.