Novità per le detrazioni 36%: è necessario conservare i documenti cartacei


Un provvedimento recente dell’Agenzia delle entrate (2 novembre 2011) obbliga alla conservazione di molti documenti cartacei relativi alla detrazione IRPEF 36%. E’ l’effetto secondario dell’abolizione della comunicazione di inizio lavori e l’invio della stessa al Centro Operativo di Pescara. Si tratta di documenti che in precedenza dovevano essere allegati alla domanda. Devono invece essere indicati nella dichiarazione dei redditi, o nel 730, i dati catastali dell’immobile; se i lavori sono effettuati dal detentore (inquilino), vanno indicati in Unico gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo (contratto di affitto, comodato).


Partecipa alla discussione sul forum.

Novità per le detrazioni 36%: è necessario conservare i documenti cartacei


Un provvedimento recente dell’Agenzia delle entrate (2 novembre 2011) obbliga alla conservazione di molti documenti cartacei relativi alla detrazione IRPEF 36%. E’ l’effetto secondario dell’abolizione della comunicazione di inizio lavori e l’invio della stessa al Centro Operativo di Pescara. Si tratta di documenti che in precedenza dovevano essere allegati alla domanda. Devono invece essere indicati nella dichiarazione dei redditi, o nel 730, i dati catastali dell’immobile; se i lavori sono effettuati dal detentore (inquilino), vanno indicati in Unico gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo (contratto di affitto, comodato).


Partecipa alla discussione sul forum.