NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO: i controlli del professionista


Un professionista (commercialista, consulente del lavoro, avvocato, revisore contabile, notaio) deve eseguire un controllo di identificazione della propria clientela. Identificare la clientela significa controllare l’identità del cliente, dell’amministratore, del legale rappresentante, o, in caso di società controllate da altre società o entità giuridiche poste anche fuori Italia, del titolare effettivo, sulla base di documenti, dati e informazioni certe ottenute da fonti affidabili e indipendenti. Occorre anche ottenere informazioni sulla natura e lo scopo del rapporto continuativo della prestazione professionale, e svolgere un controllo costante nel corso del rapporto. Le violazioni alla normativa sono di natura penale e soggette a sanzioni da 2.600 a 13.000 euro, salvo che il fatto non costituisca reato più grave.


Partecipa alla discussione sul forum.

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO: i controlli del professionista


Un professionista (commercialista, consulente del lavoro, avvocato, revisore contabile, notaio) deve eseguire un controllo di identificazione della propria clientela. Identificare la clientela significa controllare l’identità del cliente, dell’amministratore, del legale rappresentante, o, in caso di società controllate da altre società o entità giuridiche poste anche fuori Italia, del titolare effettivo, sulla base di documenti, dati e informazioni certe ottenute da fonti affidabili e indipendenti. Occorre anche ottenere informazioni sulla natura e lo scopo del rapporto continuativo della prestazione professionale, e svolgere un controllo costante nel corso del rapporto. Le violazioni alla normativa sono di natura penale e soggette a sanzioni da 2.600 a 13.000 euro, salvo che il fatto non costituisca reato più grave.


Partecipa alla discussione sul forum.