Naspi anche ai professionisti

L’iscrizione a un Albo professionale e il possesso di una partita Iva “silente”, cioè non produttiva di reddito, non bloccano più l’erogazione della Naspi, l’indennità di disoccupazione dei lavoratori dipendenti. Se il professionista svolge attività lavorativa, la Naspi è compatibile fino a 4.800 euro di reddito professionale. A precisarlo è l’Inps che, al fine di evitare disparità di trattamento, ha riconsiderato le situazioni di svolgimento da parte di percettori di Naspi di diverse attività per precisare quando il reddito sia da ritenere compatibile ovvero incompatibile con la percezione dell’indennità di disoccupazione.


Partecipa alla discussione sul forum.