LOTTA ALL’EVASIONE: questionari su clienti e fornitori

Controlli della Guardia di Finanza sui clienti e fornitori; si sta intensificando il monitoraggio sulle aziende con un fatturato pari ad almeno 25 milioni di euro con interessi all’estero. In particolare si “osservano” gli affari conclusi con imprese e professionisti domiciliati in paesi black list e le partecipazioni detenute in società Cfc insediate in territori che beneficiano di regimi privilegiati. I questionari inviati dai nuclei di polizia tributaria potrebbero arrivare anche ad aziende che hanno avuto rapporti indiretti con realtà appartenenti a paradisi fiscali. La check-list richiede l’indicazione delle società controllate o collegate residenti nei paradisi fiscali con cui non sono stati intrattenuti rapporti economico-commerciali, la segnalazione analitica dei dati relativi ai fornitori e ai clienti collegabili ai 70 paesi a fiscalità privilegiata sotto costante osservazione perché poco collaborativi: la denominazione sociale, l’indirizzo della sede legale o di eventuali sedi secondarie operative localizzate in paesi o territori che godono di un regime fiscale privilegiato, le partite Iva nazionali o comunitarie, il numero delle fatture e delle note di credito contabilizzate, l’ammontare dei ricavi e dei pagamenti, le coordinate dei rapporti bancari esteri da cui sono stati effettuati.


Partecipa alla discussione sul forum.