Locazioni: canone tassabile anche se l’inquilino non lo versa


Ai sensi dell’articolo 26 del TUIR, il reddito imponibile degli immobili locati è quello risultante dal contratto di locazione, senza che nulla rilevi la concreta percezione dei canoni. A seguito di un ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate avverso una sentenza della Commissione tributaria del Lazio che, in accoglimento del gravame proposto dal contribuente, aveva annullato un accertamento di maggior reddito da fabbricati emesso in relazione all’omessa denuncia, da parte del contribuente stesso, dei canoni di due contratti di locazione commerciale, i giudici accogliendo il ricorso hanno sentenziato: “…la mancata percezione del canone locativo, per morosità del conduttore, non ne impedisce l’assoggettamento a imposta sui redditi fintantoché non sia intervenuta la risoluzione del contratto di locazione ”.


Partecipa alla discussione sul forum.