Liti tributarie: definizione con doppio termine


La definizione delle liti pendenti si estende a tutti i ricorsi notificati entro il 24 aprile scorso e a quelli che
coinvolgono gli enti territoriali. Per questi ultimi, occorre però un atto a contenuto normativo da adottarsi entro la
fine di agosto. Si ritiene che rientrino anche quelle in fase di reclamo/mediazione a tale data. Questo perché, a decorrere dallo scorso anno, il reclamo è introdotto direttamente dal ricorso. Deve trattarsi di liti in cui la controparte è l’agenzia
delle Entrate. Il vantaggio della definizione consiste nell’azzeramento di sanzioni e interessi maturati a partire dal
61° giorno successivo a quello di notifica dell’atto impugnato.


Partecipa alla discussione sul forum.