Le verifiche agli intermediari: la selezione

di Redazione

Pubblicato il 27 ottobre 2011

Come detto sono in corso le verifiche agli intermediari telematici per il controllo del rispetto dei dati della privacy. La selezione degli intermediari da sottoporre a controllo avviene tramite un'apposita procedura dell'Agenzia delle Entrate che identifica le anomalie e/o irregolarità negli invii; segue poi l'effettuazione di un'ulteriore selezione con criteri molto precisi. Fattori determinanti sono: tardività nella trasmissione delle dichiarazioni, l'assenza di abbinamento tra due intermediari per le dichiarazioni disgiunte, omissioni e forzature degli invii telematici. La procedura di controllo scatta in base alla quantità delle anomalie commesse; le tardività vengono esaminate solo se sono superiori a 5, l'assenza di codice fiscale dell'altro intermediario rileva solo se supera i 10 modelli, le dichiarazioni omesse solo se sono superiori a 3. I soggetti interessati dalla verifica verranno preliminarmente contattati dall’Agenzia che esporrà le problematiche emerse negli invii, concordando un appuntamento. Il controllo è fatto in contradditorio con la parte.