Lavoro sportivo: esenzione tasse fino a 15.000 euro ma si versano i contributi

di Angelo Facchini

Pubblicato il 29 settembre 2022

Riguardo il lavoro sportivo è stato approvato dal Cdm, in via definitiva, il decreto correttivo del Dl n. 36/2021, attuativo della riforma dello sport (legge 86/2019). Sono definite tre fasce di compensi: entro i 5.000 euro annui senza ritenute fiscali e previdenziali; tra i 5.000 e i 10.000, senza ritenute ma con versamenti previdenziali; oltre i 15.000 euro in regime ordinario. Riguardo il lavoro dilettantistico, il rapporto dovrà essere inquadrato come lavoro autonomo quando la durata delle prestazioni non supererà le diciotto ore settimanali.