Lavoro: il nuovo sgravio contributivo per l’assunzione di giovani

Il nuovo esonero contributivo è un intervento generalizzato, ovvero potenzialmente rivolto a tutti i datori di lavoro privati che operano in ogni settore economico del Paese, le cui unità produttive siano localizzate in qualsiasi area del territorio nazionale. Il nuovo beneficio, pur avendo una durata di 3 anni, potrà essere applicato, salvo future “retromarcia del legislatore”, alle nuove assunzioni dal 2018; ha come obiettivo “promuove l’occupazione giovanile stabile”; interessa i soggetti che, alla data della prima assunzione incentivata: non abbiano compiuto il 30° anno di età (il 35° anno di età solo per le assunzioni avvenute nel 2018); non risultino essere stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro. L’agevolazione ha una durata massima di 36 mesi e comporta un esonero contributivo pari al 50% dei contributi previdenziali nel limite di euro 3.000 su base annua.


Partecipa alla discussione sul forum.