Lavoro: proroga dell’esonero contributivo per nuove assunzioni

La Legge di Stabilità proroga l’esonero contributivo per le nuove assunzioni, cambiando solo la misura del bonus. Il nuovo intervento prevede l’esonero dal versamento del 40% dei complessivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro nel limite di 3.250 euro su base annua, per un massimo di 24 mesi. Il beneficio per le assunzioni effettuate nel 2016 non è riconosciuto: per i contratti di apprendistato e di lavoro domestico; per le assunzioni relative a lavoratori che nei sei mesi precedenti siano risultati occupati a tempo indeterminato; per i lavoratori il cui beneficio sia già stato usufruito in relazione a precedente assunzione a tempo indeterminato; in presenza di assunzioni relative a lavoratori in riferimento ai quali i datori di lavoro, hanno comunque già in essere un contratto a tempo indeterminato nei tre mesi antecedenti la data di entrata in vigore della presente legge. Il datore di lavoro che subentra nella fornitura di servizi in appalto e che assume un lavoratore per il quale il datore di lavoro cessante fruisce dell’esonero contributivo, preserva il diritto alla fruizione della restante parte del bonus. Il beneficio non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote contributive previsti dalla normativa vigente.


Partecipa alla discussione sul forum.