Lavoro: orario di lavoro dei minori


L’Ordine dei Consulenti del Lavoro ha avanzato istanza di interpello per la corretta interpretazione dell’orario di lavoro minorile. In particolare si chiede se i minori con un’età superiore a 15 anni, ma inferiore a 16 e titolari di un rapporto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, siano o meno soggetti all’orario di lavoro applicabile agli adolescenti ovvero a quello di 8 ore giornaliere e 40 settimanali. Il Legislatore, al fine di preservare la frequenza scolastica e l’assolvimento dell’obbligo di istruzione sancisce che, per i bambini liberi da obblighi scolastici, l’orario di lavoro non possa superare le 7 ore giornaliere e le 35 settimanali e, per gli adolescenti, che l’orario di lavoro non possa superare le 8 ore giornaliere e le 40 settimanali. In risposta all’interpello, i quindicenni ancora soggetti all’obbligo scolastico, assunti con un contratto di apprendistato del primo tipo, possono effettuare un orario di lavoro non superiore alle 7 ore giornaliere e 35 settimanali ai sensi del disposto di cui all’art. 18, comma 1, Legge n.977/1967.


Partecipa alla discussione sul forum.