Lavoro: ll contratto di co.co.pro. deve contenere ex ante il risultato del progetto


Secondo la sentenza n.17448 del 31 agosto 2016 della Corte di Cassazione, il contratto di co.co.pro. deve contenere ex ante il risultato delle mansioni svolte dal lavoratore affinchè il rapporto di lavoro non presenti carattere di subordinazione. Non basta specificare nel contratto l’elenco delle fasi in cui si espleta il programma di lavoro, la modalità di svolgimento in autonomia, senza vincolo di orario e di tempo impiegato, in coordinamento con l’attività aziendale e la predeterminazione di un compenso annuo. Perchè sussista l’autonomia dell’attività affidata dal committente è necessario che sia prefissato un fattore-chiave che giustifichi l’autonomia gestionale del progetto sia nei tempi sia nelle modalità di realizzazione. La specificità del progetto diviene l’elemento caratterizzante la differenza tra un genuino rapporto di co.co.pro. e un contratto a progetto finalizzato a celare un rapporto di lavoro subordinato.

 

 


Partecipa alla discussione sul forum.