Lavoro: le misure agevolate per assunzione di donne disoccupate

di Angelo Facchini

Pubblicato il 31 gennaio 2020

In caso di assunzione di donne disoccupate, al datore di lavoro è concesso uno sgravio contributivo del 50% dei contributi a proprio carico, per un periodo variabile a seconda del tipo di contratto stipulato: 12 mesi, in caso di assunzione con contratto a tempo determinato; 18 mesi, in caso di assunzione con contratto a tempo indeterminato; 18 mesi complessivi, in caso di assunzione con contratto a tempo determinato trasformato in contratto a tempo indeterminato. La lavoratrice deve avere una delle seguenti caratteristiche: essere disoccupata da almeno 6 mesi; essere residente in regioni ammissibili ai finanziamenti nell’ambito dei fondi strutturali dell’Unione Europea; svolgere una professione o operare in un settore economico caratterizzati da una accentuata disparità occupazionale di genere superiore al 25%. Oppure essere disoccupata da almeno 24 mesi, ovunque residente, o, ancora, essere disoccupata da oltre 12 mesi con almeno 50 di età, ovunque residente.