Lavoro: le maternità a rischio autorizzate dalla ASL


Il 1° aprile debutta la nuova disciplina sulle interdizioni dal lavoro delle lavoratrici in gravidanza. L’articolo 15 del Dl 5/2012, modificando l’articolo 17 del Dlgs 151/2001, ripartisce fra le ASL e le direzioni territoriali del Lavoro la competenza a seconda dei casi. In particolare, se l’interdizione è correlata a gravi complicanze della gravidanza, tutta la procedura è devoluta in via esclusiva alla ASL: sarà il presidio ad adottare il provvedimento di astensione; se, invece, l’interdizione deriva da condizioni lavorative pregiudizievoli alla salute della lavoratrice e del bambino, l’istruttoria e il provvedimento rimangono in capo alla DTL.


Partecipa alla discussione sul forum.