LAVORO: la sanzione disciplinare al lavoratore necessita dell’audizione


La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 2159 del 31 gennaio 2011, chiarisce che il datore di lavoro per adottare una sanzione disciplinare nei confronti del dipendente non può omettere l’audizione del lavoratore incolpato che ne abbia fatto espressa ed inequivocabile richiesta contestualmente alla comunicazione di giustificazioni scritte, anche se queste siano ampie e potenzialmente esaustive.


Partecipa alla discussione sul forum.

LAVORO: la sanzione disciplinare al lavoratore necessita dell’audizione


La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 2159 del 31 gennaio 2011, chiarisce che il datore di lavoro per adottare una sanzione disciplinare nei confronti del dipendente non può omettere l’audizione del lavoratore incolpato che ne abbia fatto espressa ed inequivocabile richiesta contestualmente alla comunicazione di giustificazioni scritte, anche se queste siano ampie e potenzialmente esaustive.


Partecipa alla discussione sul forum.