Lavoro: la “cattiva” registrazione della trasferta sul Lul


Il Ministero del Lavoro chiarisce che la non conforme scritturazione/registrazione della voce “trasferta” sul Lul può integrare la condotta di infedele registrazione tutte le volte in cui venga riscontrata, in seguito ad accertamento ispettivo, una difformità tra la realtà fattuale e quanto registrato, solo se l’errata scritturazione del dato abbia determinato una differente quantificazione dell’imponibile contributivo, ai sensi e per gli effetti dell’art.51, co.5, D.P.R. n.917/1986.


Partecipa alla discussione sul forum.